Sciopero in McCann Erickson. (Fatto successo i primi di dicembre)

24 Feb

Pubblicitari, e non, fate girare. Non facciamoci più sfruttare.
Siamo professionisti, non meritiamo questo trattamento.

Ieri in Mc Cann 4 persone hanno scoperto di non avere più un lavoro.
Quello che scrivo mi è stato riportato da un paio di gole profonde che, per ovvie ragioni, hanno chiesto di non essere menzionate.

I 4 sfortunati colleghi sono stati convocati di "sopra", con "scuse varie".
Gli è stato comunicato il licenziamento e, tornati "giù", hanno trovato il loro Mac spento. Non gli è stato possibile portare via nulla.

Il licenziamento sembrerebbe aver colpito il reparto creativo.
Uno dei licenziati sarebbe padre di due bambini.
"il tuo stipendio è troppo alto per il ruolo che ricopri"
2500 euro al mese (ngp -nota gola profonda).

I dipendenti Mc Cann ieri hanno dichiarato uno sciopero e oggi dovrebbe esserci un'altra assemblea.

A quanto pare, altri nove dovrebbero essere licenziati a breve.
Era da almeno sei anni che non si registrava uno sciopero nel nostro settore,
dai tempi della Grey "guidata" da Valeria Monti.

La direzione creativa di Mc Cann viene definita "fuggita a Londra per non affrontare la situazione". Questa affermazione potrebbe essere gratuita.
La sfiga esiste, e talvolta si è costretti a partire in un momento in cui si preferirebbe restare.
Restiamo sui problemi reali.
Il nostro lavoro ha perso valore perché si sono persi prima i valori.
Questo è successo molto prima dell'ultima crisi economica, ha iniziato ad accadere già nella seconda metà dei dorati anni '80.

Un'agenzia nuova avviò una politica commerciale improntata su un dumping molto aggressivo, cosa relativamente normale.
Molte grandi agenzie si spaventarono e ne seguirono l'esempio, cosa meno normale.
Smettemmo di farci concorrenza con la forza delle idee, rendendo più deboli le nostre condizioni economiche, i nostri contratti, le nostra fondamenta.

Qualunque professionista operi nel nostro settore deve battersi, nel suo piccolo o nel suo grande, dicendo no a tutte quelle situazioni che possono concorrere a minare ulteriormente il nostro settore.
Mi riferisco alle gare non remunerate, alla mancata applicazione di qualunque tariffario, al fenomeno degli stagisti ad libitum non pagati.
Non parlo di un "cartello", ma dovrebbe essere evidente a tutti che vendere un radiocomunicato a 100 euro, o una campagna integrata a 10 mila, è una follia.
Sono manovre che posso comprendere in un giovane agli inizi, non in una delle prime 10 agenzie d'Italia.
Continuare ad adeguarci a questa politica commerciale significa essere complici e conniventi con tutte le conseguenze.

Cito la fonte. Contiene commenti interessanti.
http://kttbblog.splinder.com/post/21810093/Sciopero+in+McCann+Eric%20kson/comment/60073815

Annunci

4 Risposte to “Sciopero in McCann Erickson. (Fatto successo i primi di dicembre)”

  1. leo23 12 marzo 2010 a 4:41 pm #

    Quanto mi fanno inkazzare queste cose….

  2. Rebetika 15 marzo 2010 a 8:38 am #

    Incazzatura, schifo, disgusto…
    Di tutto un po'!

  3. anonimo 20 marzo 2010 a 12:30 pm #

    E se vuoi fare qualcosa i colleghi ti dicono che hanno dei figli, hanno un mutuo da pagare, hanno solo un contratto a progetto (che fa schifo anche ai sindacalisti), che sono a partita iva, che è meglio stare zitti altrimenti si salta per primi, che tanto da un'altra parte è la stessa cosa,o semplicemente rispondono con un: Eh, lo so, ma che ci posso fare?Siamo ricattabili e tali restiamo. E anche il più entusiasta, che dopo anni di impegno e dedizione riesce a ricoprire la posizione a cui aspirava e a ricevere un compenso adeguato alla sua professionalità e "seniority" scopre di essere stato fatto fuori per tagliare i costi,  si renderà conto che non paga essere complici dello sfruttatore.Qualcuno mi ha detto in questi giorni che mi devo "parare" il culo per andare avanti. Peccato che sia uno degli inetti dirigenti cha abbondano nei piani alti che per parare il suo culo ne ha dovuti leccare tanti altri.Sconfitto e arrabbiato, ho deciso che me ne vado. Almeno finchè l'età me lo permette. Tra qualche anno, per paura di non avere alternative. forse anche io dirò: Eh, lo so, ma che ci posso fare?

  4. anonimo 20 marzo 2010 a 12:31 pm #

    E se vuoi fare qualcosa i colleghi ti dicono che hanno dei figli, hanno un mutuo da pagare, hanno solo un contratto a progetto (che fa schifo anche ai sindacalisti), che sono a partita iva, che è meglio stare zitti altrimenti si salta per primi, che tanto da un'altra parte è la stessa cosa,o semplicemente rispondono con un: Eh, lo so, ma che ci posso fare?Siamo ricattabili e tali restiamo. E anche il più entusiasta, che dopo anni di impegno e dedizione riesce a ricoprire la posizione a cui aspirava e a ricevere un compenso adeguato alla sua professionalità e "seniority" scopre di essere stato fatto fuori per tagliare i costi,  si renderà conto che non paga essere complici dello sfruttatore.Qualcuno mi ha detto in questi giorni che mi devo "parare" il culo per andare avanti. Peccato che sia uno degli inetti dirigenti cha abbondano nei piani alti che per parare il suo culo ne ha dovuti leccare tanti altri.Sconfitto e arrabbiato, ho deciso che me ne vado. Almeno finchè l'età me lo permette. Tra qualche anno, per paura di non avere alternative. forse anche io dirò: Eh, lo so, ma che ci posso fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Cammello Blu

Le cose che non capisco

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

INDIHOPE

LIVE POSITIVE READ POSITIVE

♥ La Jenny ♥

♥ IL BLOG PIU' FASHION DOVE PUOI TROVARE CONSIGLI, RECENSIONI E TUTORIAL SUL MONDO DELLA MODA, DEL MAKE-UP E DELLO STILE ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: