I panni sporchi s’indossano in famiglia.

1 Giu

A tutte le mamme che la pensano come la mia mamma. E dunque, anche alla mia mamma. 

Negli ultimi giorni mi sta tornando spesso alla mente una frase che mia madre usava dirmi quando ero bambina: “cambiati la biancheria e non metterti i calzini bucati, perché se ti succede qualcosa e finisci all’ospedale fai brutta figura.” 

Una raccomandazione che mi ha sempre lasciata un po’ “così”, soprattutto in quello spazio  di parole che recita “…se finisci all’ospedale fai brutta figura.”

Se finisco all’ospedale?

Se finisco all’ospedale?

Mamma, se finisco all’ospedale, sai che mi frega se faccio brutta figura?

E soprattutto, se finisco all’ospedale forse i miei soccorritori non valuteranno il mio caso in base al regolamento per partecipare a Moda Mare Positano, almeno spero!

La cosa più sconcertante è stata rendermi conto che non sono l’unica ad essere cresciuta con il terrore della canotta macchiata, la mutanda slabbrata e la calza bucata, ma molti, moltissimi, amici con cui ho avuto modo di condividere questa interessantissima conversazione. A quel punto è stato tutto chiaro… non era solo una paranoia di mia madre, ma un morbo diffuso. Quindi, non ho potuto fare a meno di razionalizzare e attribuire alla faccenda un evento primordiale scatenante che ha dato origine al tutto. 

E ho capito che dev’essere andata più o meno così:

(in sala operatoria)

Chirurgo: Dobbiamo intervenire subito. 

Infermiera: Cosa gli è successo?

Chirurgo: Lo scopriremo presto, toglietegli la maglietta. 

Infermiera: Subito dottore. 

Strap, strap, strap, strap, strap… rumore di cotone abbastanza resistente, probabilmente NO MADE IN CHINA,  che viene strappato a mani nude dall’infermiera che nell’impeto del momento non ricorda di avvalersi di un utensile affilato. 

Infermiera: Ha la canotta, dottore.

Chirurgo: Allora toglietegli anche la canot… Oh, mioddio! 

Infermiera: È così grave?

Chirurgo: Ohmmioddioooo.

Infermiera: Ma cosa…?

Chirurgo: È ingiallita.

Infermiera: Non ho mai visto nulla di simile in tutta la mia vita. 

Chirurgo: Mi spiace, non possiamo fare nulla per lui. 

Tuc tuc tuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu! 

Annunci

25 Risposte to “I panni sporchi s’indossano in famiglia.”

  1. ChiaraMsT 1 giugno 2012 a 10:50 am #

    aahahahhaha!!!
    io penso ai calzini…anni fa mi sono rotta una gamba, mentre ero in ospedale, sulla sedia a rotelle ad aspettare che mi facessero la lastra, ho avuto un barlume di lucidità in cui ho pensato a mia madre e alle sue raccomandazioni, e ho fatto mente locale sui calzini che mi ero messa la mattina…erano nuovi! solo perchè tra la miriade di “pedalini” che ho ce n’erano di più vecchi un pò lisi… sono stata contagiata!

    • selvaggia scocciata 1 giugno 2012 a 10:55 am #

      ma allora è più diffuso di quel che pensassi?!?
      post e cavolate a parte, chissà da dove nasce ‘sta paranoia di fare brutta figura col dottore?

      idee?

      • ChiaraMsT 1 giugno 2012 a 7:48 pm #

        mmm…vediamo…di solito queste cose si annidano in menti lontane di altre epoche…magari perchè un secolo fa dal medico ci si andava di rado, ed il medico era un buon partito, quindi avere della buona biancheria era un punto a proprio favore per entrare nelle sue grazie e magari diventare la moglie del medico…oh più semplicemente perchè siamo le nipoti di una società in cui apparire è più importante di essere?!

      • selvaggia scocciata 4 giugno 2012 a 7:54 am #

        non ci avevo pensato, ma in effetti fila.
        ahhh la moglie del dottore!

  2. Lara 1 giugno 2012 a 11:02 am #

    io soffro della sindrome da depilazione. mi chiedo sempre: con questi pelazzi che figura ci faccio all’ospedale se mi rompo una gamba?

    • selvaggia scocciata 1 giugno 2012 a 11:13 am #

      uahahahahah effettivamente è sempre un po’ preoccupante quel momento prima della ceretta in cui cammini in direzione estetista pensando: “se adesso mi capita qualcosa, sai che figura di merda?”

  3. emptyin 1 giugno 2012 a 12:24 pm #

    Il suono e’ beep….beep…beeep….beeeeeeeeeeep…:D cosi mi sembra di aver sentito in E.R.!

    byeeeee….;-)

    • selvaggia scocciata 1 giugno 2012 a 12:34 pm #

      me lo sentivo che stavo sbagliando qualcosa…
      forse era la fame, per quello mi è venuto TUC. 😛

      • emptyin 1 giugno 2012 a 6:56 pm #

        Invece se uno fa’ tic..tac..tic..tac….tic…taaaaaaaaac (la sveglia che poi alla fine suona male…e poi fa’ kaput).Indovina cosa e’? sono io che sto mangiando i Tic Tac!

        ehm…oddio! che commento scemo!
        😀

        Byeeee

  4. ilbuendia 1 giugno 2012 a 4:15 pm #

    mi associo anche io.
    Nella mia memoria riaffiora una frase del genere.
    Fatto sta che oggi mi metto boxer nuovi e calzini non sgualciti pure se vado dal dentista o dall’oculista.

    • selvaggia scocciata 4 giugno 2012 a 7:53 am #

      beh, quando ero ragazzina mi è capitato che l’oculista della medicina dello sport mi facesse spogliare completamente per farmi leggere le lettere… Poi ha fatto la stessa cosa con una ragazzina che aveva il padre un po’ violento e questo lo ha scassato di botte.

  5. metalupo 4 giugno 2012 a 4:23 pm #

    E soprattutto ricordarsi sempre di fare la pipì PRIMA di qualsiasi operazione.

  6. emptyin 16 giugno 2012 a 3:27 pm #

    ….ngiorno!
    🙂

  7. Topper 23 giugno 2012 a 10:21 am #

    Ahahah! Credo sia lo stesso principio per cui non indossi le mutande della nonna se esci con un tipo che ti piace. Il finale potrebbe essere lo stesso.

    • selvaggia scocciata 26 giugno 2012 a 7:56 am #

      anche perché, in genere, quando uno/una è tutto/tutta in tiro e in ordine non succede nulla.
      se hai l’intimo molliccio e gialliccio della nonna la notte di passione è assicurata. ma com’è ‘sta cosa?

      • Topper 26 giugno 2012 a 10:16 am #

        E’ la legge di Murphy!

  8. Topper 9 luglio 2012 a 9:31 am #

    Non si può commentare l’ultimo post?
    Padre Maronno.

    • selvaggia scocciata 9 luglio 2012 a 9:34 am #

      come non si può?
      nel senso che non te lo lascia fare?

      • Topper 9 luglio 2012 a 9:37 am #

        C’è lo spazio per scrivere ma non si può cliccare per inviare il commento, non mi appare il tastino…

      • selvaggia scocciata 9 luglio 2012 a 9:45 am #

        vado a vedere se per caso pasticciando ho toccato qualcosa nelle impostazioni.

      • selvaggia scocciata 9 luglio 2012 a 9:50 am #

        ho provato a commentare da sloggata, me lo ha lasciato fare, con tastino e tutto il resto. non capisco come mai a te non compaia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Cammello Blu

Le cose che non capisco

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

INDIHOPE

LIVE POSITIVE READ POSITIVE

♥ La Jenny ♥

♥ IL BLOG PIU' FASHION DOVE PUOI TROVARE CONSIGLI, RECENSIONI E TUTORIAL SUL MONDO DELLA MODA, DEL MAKE-UP E DELLO STILE ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: