Archive | settembre, 2012

Litigata con relitto – dalla costa con discordia.

2 Set

L’isola del Giglio dista dalla splendida costa di Porto Santo Stefano un’ora scarsa di traghetto. Una traversata nel cielo azzurro, su un mare leggermente increspato che fa un po’ di schiuma, istigando le mamme più ottimiste a urlare nelle orecchie dei loro increduli figlioli “delfini, delfini”. È bella la traversata per raggiungere il Giglio, ma solo se non ti fai venire la malaugurata idea di stare a prua.

Turista n°1:                         Scusi, può spostarsi? Sto cercando di fare una foto.

Turista n°2:                         E lei può stare zitto? Non vede che sto facendo un video?

Turista n°1:                         E lei?

Selvaggia:                           Io?

Turista n°1:                         Sì lei. È due ore che sta lì bella bella in prima fila, faccia guardare anche un po’ gli altri.

Selvaggia:                          Due ore? Il viaggio dura malapena un’ora…

Turista n°1:                         Non è quello il punto…. deve far guardare anche un po’ gli altri.

Selvaggia:                          Il Giglio si vede da tutto il traghetto, mi sembra.

Turista n°1:                         Sì, ma la Concordia si vede prima dalla prua.

Selvaggia:                          Cosa?

Turista n°2:                         Ma volete stare zitti? Mi state rovinando il video.

Turista n°1:                         No, se questa (che sarei io) non si sposta. Devo fare le foto alla bambina.

Selvaggia:                           Questa (sempre io) si sposta, stia tranquillo. 

Coro di turisti:                     Eccola, si vede.

Bambino:                           Io non vedo nulla.

Turista n°3:                        Aspetta che zoommo.  (Zoom massima potenza da riuscire a vedere i peli nel culo di scimmie di altre galassie). Lo vedi il trattino bianco? È quella. 

Bambino:                          Ma quando arriviamo vicino la posso fotografare?

Turista n°3:                       Eccerto! Siamo venuti apposta.

Turista n°4:                       Allora, chi è stato avanti fino adesso faccia due passi indietro e faccia guardare a quelli della seconda fila.

Turista n°2:                      Non ci penso nemmeno, voglio riprenderla mentre entriamo in porto.

Bambina turista n°1:         Papaaaaaà e fammi la foto. Voglio la foto con la Concordia.

Turista n°1:                      Appena ci avviciniamo.

Coro turisti:                      Ohhhh! Click click click click.

Turista n°5:                      Senta lei…

Selvaggia:                        Io? 

Turista n°5:                      Si sposti, tanto non sta nemmeno facendo le foto.

E quando pensavo davvero di averle sentite tutte e di non poter più provare sconvolgimenti, poco lontano da me, stava per compiersi l’incredibile.

Turista n°2:                      Ahia! Non mi metta le mani addosso.

Turista n°1:                      Io? È lei che mi ha spinto.

Turista n°2:                      No no, lei mi ha dato una gomitata nella schiena.

Turista n°1:                      Stavo cadendo.

Turista n°2:                      Ah sì?  E adesso? (sferzando un colpo in vanti con le mani)

Barcollando all’indietro il turista n°1 finisce  sulle mie dita dei piedi, massacrandole.

Selvaggia:                      Adesso basta, mi ha fatto male.

Turista n°1:                     Ancora qui lei? Ma si tolga di mezzo… ma sa da dove siamo venuti per vedere la nave? Un po’ di RISPETTO.

Non sapevo  da dove erano venuti, sapevo solo dove li avrei mandati da lì a breve. Soprattutto dopo aver letto il manifesto che tappezza l’isola che sul turismo del dolore si esprime in maniera molto chiara, così come sul significato della parola RISPETTO.  

“La popolazione dell’Isola del Giglio a seguito del drammatico naufragio della Costa Concordia chiede ai cortesi turisti doveroso rispetto per le vittime della tragedia e per i loro familiari. Si invita pertanto chiunque a evitare l’escursione intorno alla nave Costa Concordia; transitare senza fermarsi a una distanza di almeno 150 metri dal relitto; mantenere un atteggiamento di rispetto. Al Giglio ammirate le bellezze dell’isola, e non fate foto alla nave naufragata, per rispetto alle vittime e ai gigliesi”.

“Almeno toglietevi il sorriso dalla faccia” (citazione) 

Image

 

Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

Chiara - Creazioni in fimo

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Cammello Blu

Le cose che non capisco

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

INDIHOPE

LIVE POSITIVE READ POSITIVE

♥ La Jenny ♥

♥ IL BLOG PIU' FASHION DOVE PUOI TROVARE CONSIGLI, RECENSIONI E TUTORIAL SUL MONDO DELLA MODA, DEL MAKE-UP E DELLO STILE ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.