Una fine col botto.

2 Gen

Perché se fai un frontale con un fuoristrada ti assicuro che fai il botto.  

E mentre ti portano in ospedale, con l’ambulanza, pensi a quello che ti diceva tua madre quando eri piccola “Hai cambiato la biancheria? Perché se hai un incidente e ti portano all’ospedale rischi di fare brutta figura”. Intanto passi in rassegna le calze, le mutande e tutto il resto. Puoi stare tranquilla.  

In pratica.. arrivi in ospedale con altre tre persone coinvolte nello stesso incidente, vigili al seguito un po’ scocciati perché non riesci a ricordare cosa sia successo e il personale dell’ambulanza che insiste sul fatto che tu ti sia fatta male alle gambe e non alla schiena. A te sale il nervoso, ma cerchi di stare calma. Attendi il tuo turno, in silenzio. Hai atteso 2 ore i soccorsi, al freddo, puoi attendere ancora un po’ per la visita. Ah, quelli del carro attrezzi sono arrivati subito facendo presente che potevano occuparsi di tutto loro. Ma occuparsi di cosa? Per conto di chi? Hai mal di testa e voglia di uccidere mentre quella pioggia sottile e il freddo della notte ti sta piazzando un raffreddore niente male. 

Dopo un’ora in barella al pronto arriva tuo padre. Lo shock è latente, ma c’è. Devi fare pipì, chiedi di alzarti. Negativo, se vuoi ti diamo una padella. In un attimo ti trovi mezza nuda con una padella sotto al culo. Hai sempre più mal di testa e farla da sdraiata è impossibile, ma senti che devi proprio farla. Piangi. La stronza dell’infermiera ti dice “fatti passare la crisi isterica o ti metto un catetere”. Rispondi che forse le minacce con le persone sotto shock non rientrano proprio nell’etica professionale. Lei si gira verso la “capa” e le urla “ohhh, questa è fuori… io non ne voglio sapere niente”.

Finalmente ti alzi, vai in bagno. Quando torni pare che tu non abbia più diritto a stare sdraiata. Quell’infermiera non si vede più. Intanto i vigili vogliono la versione dei fattii, ma per loro la parola “sbalzata” non è proprio idonea per un verbale. “Allora scrivitelo da solo” pensi, perché non vuoi altre grane e noi hai il coraggio di ribellarti. 

Passano 300 minuti, cinque ore. La testa esplode, la schiena ti fa male a metà. Arriva il tuo turno. A quanto pare non meriti nemmeno una lastra. Il medico è un po’ spazientito perché ha difficoltà a visitarti, perché non hai un abbigliamento consono da ospedale! Peccato che tu sia uscita di casa per andare a cena fuori e non all’ospedale e che mentre eri ferma a un semaforo un fuoristrada ha pensato di darti un bel bacetto sul muso. 

– Vada pure, signorina. 

– Ma la schiena?

– Farà male… per un po’. 

– E il mal di testa?

– Normale. 

– Se non mi passa?

– A quel punto facciamo una lastra e una visita.

– Ma ho atteso 5 ore per una visita. 

– Prenda una tachipirina. 

– “E lei se la metta in culo la tachipirina”, lo pensi solo. Non vuoi grane. 

Esci senza salutare, perché quando ti fanno incazzare diventi maleducata. 

Da ogni angolo della corsia senti dire “buon anno”. 

Tu nemmeno ti volti, cammini nel corridoio eterno con la freddezza di un cecchino armato fino ai denti e mentre fingi di sparare a tutti quelli che ti hanno trattata di merda per tutta la notte pensi: 

Buon anno un cazzo!

18 Risposte a “Una fine col botto.”

  1. Jeremy Merrick 2 gennaio 2014 a 2:48 PM #

    Che capodanno di merda..

  2. ammennicolidipensiero 2 gennaio 2014 a 3:55 PM #

    mannaggia, mi spiace! e difficile dire se sia stato peggiore l’incontro col fuoristrada o col personale medico…

  3. metalupo 2 gennaio 2014 a 4:10 PM #

    Bruciare quattro/cinque caricatori 7.62 NATO in mezzo al pronto soccorso non sarebbe stato male.
    Agghindata per l’ultimo con un fucile d’assalto al fianco e fiamme dalla canna.
    Spettacolo.

  4. zeusstamina 2 gennaio 2014 a 4:14 PM #

    Minchia che merda… O_o mi spiace.
    Mi ricorda l’anno scorso (2013) da me… solo che era gennaio e febbraio. Prima una macchina e poi un pick-up hanno tentato, e riuscito, a ridurmi la macchina ad un catorcio. La prima non ci è riuscita, il secondo è uscito vittorioso. Macchina da buttare e io in ospedale dalle 09:00 di mattina alle 19:00/20:00 di sera… in attesa.
    In cui ho camminato, girato e via dicendo… solo alle 16 mi hanno detto: ah, ma cammini? Dovevi restare sdraiato, potresti avere danni alla schiena.
    Per la cronaca non avevo niente di grave… ma grazie al cazzo….

    Questo per dire? Ti capisco.

    • selvaggia scocciata 2 gennaio 2014 a 11:55 PM #

      A me hanno fatto terrorismo sul fatto che potevo avere le vertebre danneggiate, ma nel dubbio mi hanno fatto attendere 5 ore. Più due per arrivo ambulanza. 7 in tutto: potevo anche morire.

  5. Serena 2 gennaio 2014 a 4:42 PM #

    Sono senza parole…che schifo….mi dispiace tanto! Ora come stai?

    • selvaggia scocciata 2 gennaio 2014 a 11:57 PM #

      Mi sento come se avessi un molosso in presa mortale tra le scapole e il collo. Male costante, male alla testa di sera.
      Mah… non so . Credo sia “normale”. Però cheppalle!

  6. aliceebianconiglio 2 gennaio 2014 a 6:52 PM #

    Che dire? L’anno può solo migliorare!!! 😦

    Mi permetto di consigliarti di farti rivedere, altro che lastra, fai una risonanza magnetica per controllare che le vertebre siano a posto… (Te lo dice una che ha fatto 6 mesi di cure dopo un incidente in cui “non si era fatta niente”..)

    Io a Capodanno, piuttosto che avere a che fare con gli automobilisti, sono tornata a casa a piedi (4 km e mezzo, alle 5 di mattina). 😉

  7. sguardiepercorsi 3 gennaio 2014 a 7:13 am #

    Caspita, mi dispiace per il tuo capodanno.
    La totale mancanza di empatia che a volte si incontra in ospedale è davvero incredibile. Provare a stare una volta dall’altra parte forse lì aiuterebbe a capire qualcosa…
    Un abbraccio, e auguri… Comunque….
    Chiara

  8. glaurito 3 gennaio 2014 a 9:46 am #

    Fai iniziare bene l’anno a me, sceglimi come avvocato, e ci facciamo i soldi tutti e due! :)))

  9. rideafa. 9 gennaio 2014 a 12:12 am #

    ‘ccipicchia. Di mio posso aggiungere che almeno l anencefalico che ti ha pigliata in pieno non si è diretto verso di te insultandoti e inveendo contro la tua – secondo lui – mediocre capacità al volante in quanto “lo dicono pure i proverbi ” donna.

    perchè il còso che ti ha presa in pieno muso non ha inveito contro di te vè?

    influsso per costolette, a tu!

    • selvaggia scocciata 9 gennaio 2014 a 8:56 am #

      no no, non ha inveito.
      Anche perché lui era in qualche modo una delle parti lese.
      Correva com un pazzo, ok, ma la strada gli è stata tagliata da un’altra macchina guidata da due innocui signori. 🙂

      costolette anche a te. 😛

Trackbacks/Pingbacks

  1. alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 02.01.14 | alcuni aneddoti dal mio futuro - 2 gennaio 2014

    […] Selvaggia Scocciata, “Una fine col botto.”: Perché se fai un frontale con un fuoristrada ti assicuro che fai il botto. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il mio viaggio

I viaggi della vita attraverso il lavoro, il cibo, i luoghi, le curiosità, la musica, le esperienze vissute e attuali, un viaggio nel tempo in continua evoluzione.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

HUMOR STORIA

Sorridi con la storia

SENZ'AZIONI

Qui sensibilizzo la mia immaginazione.

Supernova Burning Soul

Tra asfalto, cenere e luccicanza

marisa salabelle

Quando finalmente i vigili del fuoco ebbero sfondato la porta, l’odore, che fino a quel momento era filtrato attraverso gli spiragli, si diffuse per tutto il pianerottolo. La signora Lotti, che abitava nell’appartamento di fianco, fece un passo indietro; i volontari della Misericordia entrarono con la barella; Lorella strinse il braccio di suor Maria Consolazione.

Ettore Massarese

un navigatore cortese

Il Mondo di Dora Millaci

Sono le parole semplici quelle che giungono al cuore e donano emozioni

turrefazioni

"Brave words about sounds & visions"

Inchiostronerodenso

Nel cuore delle veglie della luna - Joyce

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

Informazionecritica.com

L'informazione che non si allinea

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

THE MESS OF THE WRITER

If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog.

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: