Archivio | sua nonna RSS feed for this section

Bingo Wings, una questione di famiglia.

25 Gen

Ogni anno 7 donne su 10 sono colpite dalla sindrome delle Bingo Wings, senza possibilità di appello.

Le Bingo Wings sono quelle porzioni di carne moscetta che collegano le ascelle ai gomiti, che sventolano fiere e a rallentatore quando corriamo, saltiamo, salutiamo e, naturalmente, quando possediamo una cartella vincente al Bingo. Sulle Bingo wings, anche note come ali di pipistrello o di scoiattolo volante,  è già stato scritto tutto e il contrario di tutto. Credo che ogni blog abbia un post sulla ciccia brachiale, un po’ come sul discorso dei calzini spaiati,  e dunque anche io voglio dare un contributo sull’argomento. Il mio intervento però è puramente scientifico, perché negli ultimi tre anni ho svolto studi approfonditi sull’argomento e test complessi, usandomi come cavia. 

Donne, ho una rivelazione sulle mantovane ascellari che o vi riporterà il sorriso, e la fiducia nel futuro, o vi farà venire voglia di spiccare il volo da un albero. Siete pronte?

Le Bingo Wings  non dipendono dall’età. Una volta un’amica mi ha detto che spuntano intorno o subito dopo i 30. Ecco, non è vero.

Non dipendono dalle gravidanze. Conosco donne che hanno avuto 3 figli e hanno le braccia asciutte e nervose come le keniote delle Olimpiadi.

Non dipendono da quello che mangi. Le ho viste anche su ragazze molto magre e perennemente a dieta.

E, udite udite, non dipendono da quanto sport fai. IO SONO LA PROVA VIVENTE. Mi ammazzo di pole dance, potenziamento (che comprende anche morte per trazioni), yoga e danza, eppure sono presenti e oscillanti più che mai, tanto da costringermi al saluto Elisabettiano che prevede la rotazione della mano sul proprio asse mantenendo il braccio aderente al corpo.

E allora da cosa dipendono? GENETICA, signore mie. Guardate le vostre mamme, zie, nonne, cugine ed esultate o, come nel mio caso, piangete. Non è la pigrizia, non è la lasagna e non è nemmeno la sfiga: sono i vostri geni. Le Bingo wings sono scritte nel vostro DNA, oltre che essere disegnate sotto le vostre ascelle. Quindi, potete pure lottare come forsennate, ma non esiste prevenzione e nemmeno cura per il vostro fardello di famiglia. Non vi resta dunque che sventolarle orgogliose ai  4 venti, oppure mascherarle con la creatività, proprio come faccio io.

221720_1059031872591_1796_n

Questo è un ottimo modo per nascondere le Bingo Wings.

 

 

 

 

Annunci

Tua nonna ci salverà.

2 Apr

Io e Brendan, Fraser ovviamente, eravamo a casa di sua nonna quando siamo stati attaccati da una mandria imbufalita di dinosauri morti, ma viventi. Anzi, più che morti viventi, erano decisamente ridotti all'osso: scheletri.

La nonna di Brendan abita, o forse abitava, a Valfenera, un paese vicino a Villanova d'Asti, AT.
Non sapevo che Valfenera fosse popolata da creature mostruose affamate e incarognite, mentre la nonna di Brendan sì, lo sapeva molto bene. Era solita combattere con quegli scheletri dentati che, più che da un film di Romero, sembravano usciti dalla Londra post apocalittica di Boyle.

Chissà se l'amabile vecchina in tuta rosa di ciniglia è sopravvisuta? Lei che cade sotto il rinculo del fucile, lei con quella mira da schifo, lei che, senza distogliere lo sguardo dalle bestie fossili, dice "Andate, io me la caverò".
Così, io e Brendan, andammo, correndo su tutti e quattro gli arti (ma perché?) come i cani, per il centro della piccola Valfenere, dalla rotonda alla chiesa, tirando dritto, senza fare la rotonda. Riuscimmo a seminare quei reperti affamati, grazie alla corsa a quattro zampe, e arrivammo sani e salvi fino a una casa pericolante, dove l'ultimo piano doveva essere il più sicuro, secondo Brendan, appunto, sicuro. "Dici?" chiedevo io per tutta certezza.
"Dico che non abbiamo altra scelta" rispondeva pazientemente Brendan.

Dopo avermi rassicurata il giusto, io e Brendan salimmo così tanto da sfidare nausea e vertigini, fino all'ultimo gradino, quando… il mio cellulare, impostato come ogni mattina alle 07:30, iniziò a suonare così forte da provocare un risveglio immediato, senza nemmeno la possibilità di appellarsi al posponi, perché ormai ero troppo sveglia e Brendan già troppo lontano.

Chissà se saremmo stati felici?
Chissà se sua nonna ci avrebbe ancora invitati a pranzo?
Chisà se sua nonna ha avuto la meglio sui dinosauri?

Chiunque avesse notizie della nonna di Brendan è pregato di informarmi, sono preoccupata.
Voglio ricordarti così Brendan, mentre canti una serenata ai delfini.

 

Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Cammello Blu

Le cose che non capisco

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

INDIHOPE

LIVE POSITIVE READ POSITIVE

♥ La Jenny ♥

♥ IL BLOG PIU' FASHION DOVE PUOI TROVARE CONSIGLI, RECENSIONI E TUTORIAL SUL MONDO DELLA MODA, DEL MAKE-UP E DELLO STILE ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.