Tag Archives: horror
Link

In profondo rosso.

26 Nov

In profondo rosso.

In attesa del nuovo Freaks, ecco un mio racconto estratto dal numero interamente dedicato a Torino che potete scaricare e leggere gratuitamente qui: 

http://issuu.com/freaks_mag/docs/freaks_1torino

In profondo rosso. 

“Ciao risponde la mia segreteria telefonica. Cioè, chi ti parla sono io…  registrato dalla segreteria. Avrai capito che non sono in casa, sempre che tu non abbia già messo giù… quindi, se ti va, lascia un messaggio. Così poi ti richiamo. Ah, non c’è nemmeno Diana. Ciaooo”.

 

Mi ero divertito a incidere quel messaggio, solo che  non avrei mai più richiamato nessuno. Anzi, non sarei nemmeno più tornato a casa, dopo quella sera. 

 

  • Dai dai, andiamo. Voglio vedere casa nostra al cinema. 

 

Fu questo l’inizio della fine, quando Diana, la mia ragazza,  iniziò a insistere per vedere casa nostra al cinema. Diana non aveva solo insistito per vedere casa nostra al cinema, ma anche per affittarla come location a quelli del cinema. 

 

  • Diana, hai letto la sceneggiatura? Guarda che poi hai paura, già lo so. 

 

Ovviamente Diana non aveva letto la sceneggiatura. Capiva solo la cifra dell’assegno prima e la possibilità di sfoggiare casa nostra (mia) a tutta Torino dopo. 

 

  • Ma vaaaaaa! È solo un film! Figurati se ho paura! 

 

Ore e ore  di affermazioni che, per l’ennesima volta, mi convincevano a fare come voleva Diana. Come quella volta che abbiamo preso Flaffy, il barboncino nano che cagava come un leone, quella volta che abbiamo ospitato un  surfista californiano (a Torino?), che ha vissuto a casa nostra (mia) a scrocco per sei mesi, quella volta che mi sono fatto cotonare i capelli come il cantante dei Cugini di Campagna solo perché Diana voleva capire se “forse” gli somigliavo. 

 

Usciti dal cinema nessuno parlava. La camminata lungo i portici di Via Roma sembrava la processione dei morti viventi. Proposi anche un brindisi nella casa dell’orrore, giusto per fare lo splendido. 

 

  • E adesso, tutti su da noi. Chi vuole una bella coppa di sangue ghiacciato? Hahahahahahahah!

 

Nessuna risposta. Quando mi voltai lanciai gli occhi nel vuoto, riuscendo a intravedere solo il deretano del più lento della combriccola. Mentre rovistavo nel mio impermeabile alla ricerca delle chiavi di casa, Diana non accennava a mollarmi il braccio prima di esordire con la frase che avrebbe rovinato la mia vita.

 

  • Io lì non ci dormo. 

 

Come al solito, non stavo ascoltando una parola. 

 

  • Sì ti amo anche i… cooosa?

 

  • Voglio andare in albergo. 

 

  • Ma che dici? Sai quanto pago di mutuo per farti vivere qui, nella casa “così bella che ci girano i film”? 

 

  • Che vuoi che ti dica? Ho paura!

 

  • Io ti avevo avvertita però. Quindi adesso andiamo su, che ti piaccia o no. Prendere o lasciare. O così o niente. Cascasse il mondo. 

 

Trenta minuti dopo eravamo già in albergo, naturalmente il più costoso di Torino. Quanto poteva durarle la paura? Una settimana? Un mese? Sei? Diana serbava una sorpresa niente male. 

 

  • Vendi la casa. 

 

  • Diana, non è mica facile vendere una casa come quella. Ci vorrà tempo. 

 

  • Allora prendiamo (che voleva dire prendi tu, paga tu, sgancia tu) un appartamento in affitto. 

 

  • Fuori discussione, che ti piaccia o no si torna a casa. Prendere o lasciare. O così o niente. Cascasse il mondo.  

 

Il pomeriggio stesso stavamo (stavo) già firmando il contratto d’affitto per un  attico in Piazza Vittorio. Quanto poteva ancora durarle la paura? Non mi importava. Dopo altro sei mesi, la sorpresa stavo per farla io. 

 

  • Diana, dobbiamo lasciare questa casa.

 

  • Scherzi?

 

  • No. Non riesco a vendere la casa di Piazza C.L.N. e l’affitto qui è troppo caro. Andiamo in un  bilocale.

 

  • Dove? 

 

  • Porte Palatine. 

 

  • Cosa? È una zona popolare quella. 

 

  • Proprio per quello.

  

  • Non ci penso nemmeno. 

 

  • Basta discutere, che ti piaccia o no, si va alle Porte. Prendere o lasciare. Così o niente. Cascasse il mondo. 

 

E quella volta il mondo cascò davvero. Il giorno dopo Diana non c’era più. Al suo posto c’erano un mutuo, due affitti e diversi insoluti, per colpa di un film che conteneva nel titolo il destino del mio conto corrente ormai, inesorabilmente, in profondo rosso.   

 

Non mangiate quella torta.

13 Mag

Conversazione a basso contenuto di glucosio.

 

Selvaggia:             Buongiorno.

 

Gelataio:            Buonasera.

 

Miii già partiamo male! Va beh…

 

Selvaggia:            Volevo…

 

Gelataio:            Deve fare lo scontrino.

 

Selvaggia:            Sì, è che non so…

 

Gelataio:            Ho capito, ma prima deve fare lo scontrino.

 

Selvaggia:            Ok, allora mi faccia lo scontrino per una torta gelato.

 

Immaginate un fermo immagine in gelateria sul volto paffuto di un gelataio tutto bianco e sorridente che al termine del fermo esplode tipo bottiglia di Coca-Cola inzeppata* di Mentos.

 

Gelataio:            Torta gelato? Le sembra una torta gelato?

 

Selvaggia:            No?

 

E qui, il mio immenso talento di far uscire fuori di testa le persone senza dire praticamente nulla: un vero superpotere.

 

Gelataio:            MA NOO!

 

Selvaggia:            Quindi… non c’è gelato dentro?

 

Gelataio:            MA NOO! È un semifreddo. È diverso.

 

Selvaggia:            Ah!

 

Aspettando qualche altra info dal gelataio prima di provocare fusioni nucleari in Corea con la sola ira dell’omino dei gelati.

 

Gelataio:            Va bene.

 

Selvaggia:            Non so, non vado matta per i semifreddi.

 

Gelataio:            Se le piace il gelato, le piace anche il semifreddo.

 

E qui stavo già partendo con “ma non aveva detto che erano diversi?”, ma sono riuscita a trattenermi e a far finta di niente.

 

 Selvaggia:            Mi dà la più grande che ha?

 

Gelataio:            Quanti siete?

 

Selvaggia:            Quattro.

 

Gelataio:            Quando la mangiate?

 

La tentazione è forte, vorrei rispondere “un fiorino”, ma riesco a trattenermi.

 

Selvaggia:            Stasera.

 

Gelataio:            È  troppo grossa per quattro. È un chilo.

 

Selvaggia:            L’altra mi sembra piccola.

 

Gelataio:            Ma è da 750 gr.

 

Selvaggia:            Ma per un paio d’euro in più mi prendo quella da chilo.

 

Gelataio:            E se poi non la mangiate?

 

Selvaggia:            Sì che la mangiamo.

 

Gelataio:            Non dura più di qualche giorno.

 

Selvaggia:            Qualche giorno? Al massimo arriva a domani mattina.

 

Gelataio:            (sospiro)

 

Cerco di stemperare la tensione con una delle mie domande.

 

Selvaggia:            La metto in freezer?

 

Cavolo, stavo andando davvero bene, fino a quel momento…

 

Gelataio:            Morbida. (ribaltando gli occhi)

 

Selvaggia:            Scusi?

 

Gelataio:            Va servita morbida.

 

Selvaggia:            Quindi la metto in frigo?

 

Gelataio:            Lasciatela fuori…

 

Selvaggia:            E se poi non la mangiamo tutta?

 

Lo dico proprio mentre sto ritirando la torta, dopodichè realizzo… Lui alza la testa, allarga le narici, tende i muscoli del collo. Io ho giusto il tempo di specchiarmi nel riflesso dei suoi occhiali, prima di cominciare a correre. 

 

*Inzeppare, nonostante sia dialetto il T9 di Word non lo considera errore. Mah?!?!

Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

♥ La Jenny ♥

♥ RECENSIONI, CONSIGLI E CREAZIONI ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.

malanotteno.wordpress.com/

Se non puoi dormici sopra, ridici su

il dilettevole dilettarsi del dilettante

Anni di appunti devono trovare ordine per trasformarsi in personaggi e racconti per dare il via ad una complessa cosmogonia. Un punto di confronto (e soprattutto una valvola di sfogo) sono d'uopo ...