Archivio | marzo, 2009

Dopo le 11

21 Mar

La sera diventava un match interessante per cercare di raggiungere un compromesso.
Il telefono squillava e io accendevo una sigaretta. Poi rispondevo e lui, dall’altra parte del cavo, mi diceva di non fumare troppo.
–    Ciao com’è?
Pronunciava quelle parole talmente veloci che diventavano un unico neologismo fastidioso.
–    Sto bene. Tu?
–    Stanco.
–    Capisco.
–    Hai mangiato?
–    Si.
–    Sei telegrafica.
Lo ero davvero, sapevo già dove sarebbe finita la conversazione, come sarebbe andata la serata e quando sarei arrivata io.
–    No, non ho niente.
–    Io non ti ho chiesto se hai qualcosa. Hai qualcosa?
–    Lascia stare, sono solo stanca e sono affamata.
–    Affamata?
–    Non ho ancora mangiato.
–    Avevi detto di si.
–    Allora? Anche tu dici tante cose.
A quel punto la situazione era molto chiara: io avevo voglia di litigare, lui no.
–    Ehi, cosa ti succede. Ci vediamo stasera?
–    Si, vieni qui?
–    Non riesci a venire tu?
–    Ti prego, è importante. Veni qui, vieni tu.
–    Va bene.
–    Si, ma vieni adesso.
–    Arrivo tra un po’.
–    Quando? Tra quanto?
–    Dopo le 11
–    No, vieni adesso.
–    Adesso non posso.
–    Che devi fare?
–    Delle cose …
–    Che cose?
–    Forse vengono degli amici a cena.
–    Forse?
–    Si, nulla di organizzato.
–    Allora rimanda.
–    Non posso.
–    Perché?
–    Ho preso un impegno.
–    Avevi detto di no.
–    Allora? Anche tu dici tante cose.
A quel punto la situazione era molto chiara: a me era passata la voglia di
litigare, a lui stava venendo.
–    Anche con me hai un impegno, di vita.
–    Non fare sempre paragoni con i miei amici.
–    Paragoni? Credevo di essere più importante.
–      …………………………………………………………………..
(Silenzio) Il nulla. Nemmeno un respiro. Lui stava zitto e io cominciavo a cedere, come tutte le volte.
–    Ok, tranquillo. Ti aspetto dopo le 11. Ciao.

Non rimaneva che abbandonare la conversazione e fingere un mezzo sorriso nel tono di voce, per paura forse.
Paura di provare, di nuovo, quella sensazione: quella di non essere amata. La stessa provata a Parigi, al cimitero di Père Lachaise quando a me non interessava cercare la tomba di Jim Morrison e a lui non interessava tornare in albergo con me. La stessa provata a capodanno, quando io ero triste e lui era in Messico. La stessa provata quando io sognavo di vivere con lui e lui non voleva vivere. La stessa provata quando io non volevo più vivere senza di lui e lui voleva vivere con un’altra. Proprio quella. Quella in cui non sei al primo posto, in cui la prima serata è un lusso solo per reality e giochi a premi, quella in cui o sei un cinefilo nottambulo o è dura rimanere sveglio. Quella di chi aspetta che succeda qualcosa, di chi aspetta un gesto speciale, quella di chi aspetta e basta.

Radio Selvaggia Libera oggi, proprio come 5 anni fa.
Cambiano le situazioni, le persone, ma la storia è sempre le stessa.
RSL attende e ascolta una bella canzone, la nostra.

Su RSL passano i Neutral Milk Hotel, quelli che mi hanno tenuto compagnia durante diversi anni di solitudine.

http://www.youtube.com/watch?v=lcgyKo7vbm4&feature=related

Annunci
Paolofitness e non solo

Per aspera ad astra

Vertical Expression Studio a.s.d.

Associazione Sportiva Dilettantistica

verticalexpressionstudio.wordpress.com/

Arti coreutiche e discipline acrobatiche

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

Cammello Blu

Le cose che non capisco

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

BISUS

BIsogni SUSsurranti

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Fuoridallarete

Since 1990

pigropanda

un blog fuori tempo massimo

jojovertherainbow

There's no places like home

INDIHOPE

LIVE POSITIVE READ POSITIVE

♥ La Jenny ♥

♥ IL BLOG PIU' FASHION DOVE PUOI TROVARE CONSIGLI, RECENSIONI E TUTORIAL SUL MONDO DELLA MODA, DEL MAKE-UP E DELLO STILE ♥

Idiosincrasie quotidiane.

Demolitrice di false speranze. Illusionista virtuale.